EREMI E MONASTERI DEL MONTE CONERO
San Pietro e San Benedetto

di Gaia Pignocchi
Foto Maurizio Bolognini e Gaia Pignocchi

Ancona, Visibilio 2019

É un monte Conero poco conosciuto e sorprendente quello che scopriamo con questa pubblicazione che tratta, in forma divulgativa ma con rigore storico e documentario, della sua frequentazione da parte di monaci ed eremiti, dai Benedettini ai Camaldolesi.

Oltre 800 anni di storia e di spiritualità, ma anche di vicende non sempre animate da spirito religioso, ambientate in eremi solitari e rupestri, come quello di San Benedetto, attualmente nell’area di Riserva Integrale del Parco del Conero interdetta alla vista, o nella grotta del Mortarolo, ma anche in più comodi monasteri, come quello di San Pietro, sorti in un contesto ambientale naturale di grande suggestione, fonte di ispirazione ascetica e contemplativa.

La pubblicazione si suddivide in capitoli iniziali di carattere generale sulla storia del monachesimo e su figure emblematiche come San Benedetto e San Romualdo, quest’ultimo particolarmente legato alle Marche con diverse fondazioni eremitiche, tra cui Valdicastro dove morì nel 1027.

Viene poi affrontata la nascita e l’evoluzione della Congregazione camaldolese di San Romualdo, poi divenuta di Monte Corona, fondata da Paolo Giustiniani, già priore di Camaldoli, e il suo legame particolare e inscindibile con gli eremi del Monte Conero, San Benedetto, dove si tenne il primo capitolo della compagnia nel gennaio 1524, e San Pietro al Conero, affidato anch’esso, dal 1559, dopo alcuni anni di discordie con gli eremiti di Santa Maria in Gonzaga, ai camaldolesi di Monte Corona, che lo tennero fino alle soppressioni napoleoniche e postunitarie.

Oltre a San Pietro, particolarmente pregevole architettonicamente e per i suoi bellissimi capitelli figurati, e a San Benedetto, di cui rimane ancora intatta la chiesetta rupestre, sono descritti anche altri luoghi di eremitaggio, la Grotta del Mortarolo, la cui sacralità è evidente anche per la presenza di una croce che rappresenta in maniera schematica ma molto suggestiva il volto del Cristo Pantocratore secondo l’iconografia medievale, e altri romitori o grottini lungo antichi sentieri.

le recensioni precedenti

Devozione Ducale, copertina

Devozione Ducale
dipinti del Monastero di Santa Chiara a Camerino
a cura di Pierluigi Moriconi e Stefano Papetti
Monte San Giusto (MC), Comune di Monte San Giusto, 2019

Terre in Movimento cofanetto cataloghi mostra

Terre in Movimento
Olivo Barbieri, Paola De Pietri, Petra Noordkamp
a cura di Carlo Birrozzi, Pippo Ciorra
Macerata, Quodlibet, 2018

Il prestigio oltre la morte, le necropoli picene di Contrada Cugnolo a Torre di Palme - copertina

Il prestigio oltre la morte
le necropoli picene di Contrada Cugnolo a Torre di Palme
a cura di Giorgio Postrioti e Diego Voltolini
Fermo, Andrea Livi Editore, 2018

La collezione paleocristiana del Museo Diocesano di Ancona, copertina

La collezione paleocristiana del Museo Diocesano di Ancona
tracce del primo Cristianesimo ad Ancona
di Simona Petrelli
Ancona, Italic 2018

 

Cagli nel Seicento, copertina

Cagli nel Seicento
Antonio Francesco Berardi e il suo palazzo
di Elisabetta Costantini
Ancona, Il lavoro editoriale 2018

 

Riscoperte, copertina

Riscoperte
un anno di archeologia nelle Marche
a cura di Carlo Birrozzi
Fermo, A. Livi 2018

 

S'agli occhi credi, le Marche dell'arte nello sguardo dei poeti - copertina

S’agli occhi credi
le Marche dell’arte nello sguardo dei poeti
a cura di Cristina Babino
Montecassiano, Vidya 2015

 

la quadreria perduta
la quadreria di Giovanni Sforza Signore di Pesaro e l’arte a Pesaro all’epoca degli Sforza
Archivio di Stato di Pesaro
di Luciano Baffioni Venturi
Pesaro, Metauro 2015

 

Stefania Sebastiani, la chiesetta di Santa Maria di Portonovo, copertina

la chiesetta di Santa Maria di Portonovo
Italia Nostra Marche
di Stefania Sebastiani
foto: Maurizio Bolognini
Ancona, Visibilio 2018

Il mosaico sentinate di Aione

Atti della giornata di studi sul mosaico sentinate di Aion ed il nastro di Möbius
Sassoferrato, 15 luglio 2017
a cura di E. Catani e M. Silvestrini
Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche
Ancona, Consiglio regionale delle Marche 2018